Corso di Laurea in Ingegneria Civile e d Ambientale

13.jpg

Regolamento

Classe di laurea   L-7 Ingegneria civile e ambientale

Denominazione del corso Ingegneria Civile e Ambientale

Facoltà Ingegneria e Architettura

Obiettivi formativi specifici del Corso e descrizione del percorso formativo

Il Corso di Laurea in Ingegneria Civile e Ambientale è finalizzato alla formazione di una figura professionale avente specifiche conoscenze e competenze riferibili alla progettazione, realizzazione, gestione, rilevamento, controllo e manutenzione delle costruzioni (edifici civili ed industriali), delle grandi opere (ponti, dighe, gallerie), delle infrastrutture (vie e trasporti, sistemi di raccolta, distribuzione e smaltimento delle acque) e del trattamento delle acque. Ad integrazione di tali competenze e tenendo conto della complessità delle interazioni che le opere civili creano sul territorio, vengono inoltre fornite le conoscenze di base legate alla sicurezza, alla normativa in materia di contratti pubblici, all'estimo ed alla cartografia. Il percorso formativo è unico ed è strutturato in tre anni. Il primo anno prepara gli allievi sul linguaggio di base dell'ingegneria mediante insegnamenti appartenenti all'area delle scienze di base (matematica, chimica, fisica e informatica); il secondo anno integra la preparazione degli allievi sulle scienze di base e fornisce loro gli elementi più significativi e tipici dell'ingegneria di base (costruzioni, geotecnica, idraulica, economia ed estimo); il terzo anno completa la formazione sull'ingegneria di base e prepara gli allievi sulle applicazioni all'ingegneria civile, in particolare negli ambiti della progettazione, della realizzazione, della manutenzione e dei controlli (nel campo strutturale, stradale, geotecnico ed idraulico ambientale). Gli insegnamenti relativi al linguaggio di base dell'ingegneria sono organizzati in quattro gruppi: quello della matematica (includendo la meccanica razionale ed i metodi matematici); quello della fisica; quello della chimica e dei materiali; quello dell'informatica. Tali insegnamenti sono distribuiti nel primo e nel secondo anno. Gli insegnamenti relativi all'ingegneria di base sono organizzati in tre gruppi: quello della geotecnica; quello dell'ingegneria strutturale; quello dell'idraulica. A questi si aggiunge il settore trasversale dei servizi ingegneristici di base legati al rilievo del territorio e cartografia e all'estimo e della gestione dei contratti pubblici. Gli insegnamenti relativi alle applicazioni all'ingegneria civile sono organizzati in due gruppi: quello della geotecnica e dell'idraulica ambientale; quello dell'ingegneria delle strutture e delle infrastrutture. Malgrado l'Ingegnere Civile abbia competenze trasversali ad un gran numero di tematiche inerenti le costruzioni, gradi opere e id infrastrutture, le sue funzioni e competenze possono essere ricondotte, in ragione dell'unicità del percorso formativo proposto, ad un'unica figura professionale le cui competenze sono spendibili in molteplici ambiti lavorativi. Si desidera formare un tecnico capace di collaborare alla progettazione, realizzazione, gestione, rilevamento, controllo e manutenzione delle infrastrutture civili per il territorio.

Sbocchi occupazionali:

Il corso di laurea, sviluppando in modo organico diverse tematiche dell'ingegneria civile, dell'ingegneria ambientale ed dell'ingegneria della sicurezza, consente diversi sbocchi professionali. Nell'area dell'ingegneria civile: - imprese di costruzione e manutenzione di opere civili, impianti ed infrastrutture civili; studi professionali e società di progettazione di opere, impianti ed infrastrutture; uffici pubblici, enti e aziende che si occupano di progettazione e gestione di sistemi urbani e territoriali e di servizi essenziali come il servizio idrico, i servizi di manutenzione e gestione delle infrastrutture civili. Nell'area dell'ingegneria ambientale: - imprese, enti pubblici e privati, studi professionali che si occupano della progettazione, pianificazione, realizzazione e gestione di opere e sistemi di controllo e monitoraggio dell'ambiente e del territorio, di difesa del suolo, di gestione dei rifiuti e delle risorse ambientali ed energetiche, di progetto degli interventi per la depurazione delle acque e per la tutela dei corpi idrici; Nell'area dell'ingegneria della sicurezza: - cantieri, luoghi di lavoro, enti pubblici e privati, studi professionali nell'ambito dei quali sviluppare e perfezionare attività di prevenzione e di gestione della sicurezza e in cui ricoprire ruoli di responsabilità per la verifica delle condizioni di sicurezza (sulla base delle conoscenze e competenze connesse con gli insegnamenti facoltativi che permettono l'acquisizione dell'attestato di responsabile della sicurezza nei cantieri).

Conoscenze richieste per l'accesso

Per l'accesso al Corso di Studio si richiedono una buona conoscenza della lingua italiana parlata e scritta, capacità di ragionamento logico, conoscenza e capacità di utilizzare i principali risultati della matematica elementare e dei fondamenti delle scienze sperimentali. In particolare per poter seguire proficuamente le lezioni del primo anno di corso ed affrontare gli esami è necessario possedere conoscenze matematiche di base. Tali conoscenze, che dovrebbero essere state acquisite nel corso degli studi superiori, riguardano: - Linguaggio elementare degli insiemi; elementi di logica. - Strutture numeriche; operazioni con naturali, interi, razionali, reali; disuguaglianze e relative regole di calcolo; proprietà delle potenze. - Algebra elementare, equazioni e disequazioni algebriche di primo e secondo grado. - Elementi di geometria euclidea del piano e dello spazio. - Elementi di geometria analitica del piano. - Elementi di trigonometria. - Funzioni reali di variabile reale; funzioni elementari: potenza, polinomiali, radice, esponenziali, logaritmo; funzioni trigonometriche fondamentali. Le modalità di verifica delle conoscenze, anche a conclusione di attività formative propedeutiche, avverrà mediante l'utilizzo di test a risposta multipla ed a risposta aperta. Se la verifica non è positiva, saranno attivati corsi di tutoraggio per il recupero delle conoscenze di base oltre ad eventuali ulteriori specifici obblighi formativi aggiuntivi da assolvere nel primo anno di corso secondo modalità indicate nel Regolamento didattico del corso di studio.

Caratteristiche della prova finale

Per essere ammessi alla prova finale gli studenti devono aver acquisito tutti i crediti previsti dal proprio curriculum ad eccezione di quelli relativi alla prova finale. La prova finale consiste nella presentazione di un elaborato scritto, redatto con la supervisione di un docente tutor, tendente ad accertare la preparazione tecnico-scientifica e professionale del candidato. L'elaborato può riguardare la rielaborazione di conoscenze ed abilità acquisite nell'ambito degli insegnamenti del corso, la discussione critica di attività svolte nell'ambito delle attività di tirocinio curriculare ovvero di esperienze di laboratorio. Nello sviluppo dell'elaborato il laureando deve adottare modalità e approcci di analisi adeguati al tema affrontato e volti a metterne in luce gli aspetti più significativi. Il laureando deve altresì dar prova di saper organizzare, anche sotto il profilo editoriale, un elaborato che trasmetta in sintesi l'intento dell'elaborato stesso. L'elaborato viene discusso in seduta pubblica. Il punteggio finale viene attribuito dalla Commissione di Laurea tenendo conto in parte della qualità dell'elaborato (sentito il tutor), dell'esposizione pubblica e del percorso didattico dello studente.

Download allegati:

Contatti

Università degli Studi di Enna "Kore" - Cittadella Universitaria 94100 Enna info@unikorestudent.it

Numeri utili >>

I nostri uffici sono aperti con orario continuato:

Da lunedì a venerdì 8:30 - 18:00
Sabato 8:30 - 13:00

Follow us

Seguici sui canali ufficiali dell'Università, rimarrai aggiornato in tempo reale sul mondo Kore
Su Facebook, Twitter e gli RSS feeds.