Scienze e tecniche delle attività motorie preventive e adattate Il Corso

Home Didattica Corsi di Laurea triennali e Magistrali Scienze e tecniche delle attività motorie preventive e adattate (Scienze e tecniche delle attività motorie preventive e adattate) Il Corso

Presentazione

Il corso di laurea magistrale in “Scienze e tecniche delle attività motorie preventive e adattate” ha l’obiettivo di formare figure professionali altamente qualificate e capaci di operare nell’ambito della progettazione e dell’attuazione di specifici protocolli motorio-sportivi di natura preventiva e adattata, ciò allo scopo di rispondere ai nuovi bisogni di salute connessi con i significati multifattoriali del movimento nelle diverse fasce di età, intendendolo sia come fattore preventivo-educativo che di promozione del benessere fisico, psichico e sociale, ancorché come strumento atto a favorire, anche attraverso lo sport, l’inclusione nelle condizioni di disabilità. A tal fine il Corso intende promuovere l’acquisizione di conoscenze scientifiche avanzate nel campo delle attività motorie e dell’esercizio fisico, proponendo, altresì, itinerari formativi curvati sugli aspetti educativo-didattici inerenti il movimento umano e i complessi aspetti dell’allenamento sportivo adattato.

Le attività formative previste nel biennio di potranno essere svolte nelle seguenti modalità: lezioni frontali, laboratori interni ed esterni e di natura tecnico addestrativa riferiti a discipline motorie e sportive e seminari tematici di approfondimento. Particolare rilievo, anche in termini di ore previste nei due anni di corso, è assegnato ai tirocini formativi e di orientamento da svolgere presso enti, strutture e aziende italiane e straniere., Sono attivi, inoltre, specifici servizi di tutoraggio. Le studentesse e gli studenti potranno conseguire diverse certificazioni linguistiche (CAMBRIDGE, IELTS, DELE, DELF/DALF DITALS) presso il competente Centro Interfacoltà di Ateneo e accedere, altresì, ai progetti di mobilità Erasmus+ per attività di studio o traineeship presso gli Atenei europei convenzionati con l’Università Kore di Enna.

Per essere ammessi al corso di laurea magistrale è richiesto il possesso di una laurea triennale della classe L-33 (e.x. D.M. 509/99) o della classe L-22 (e.x. D.M. 270/2004), ovvero il possesso di titoli italiani o stranieri equivalenti. Il corso di laurea magistrale, comunque, è ad accesso libero, previo l’accertamento del possesso certificato di conoscenze di base negli ambiti disciplinari bio-medici (per almeno 40 CFU), psicopedagogici (per almeno 10 CFU) e nelle discipline motorie e sportive (per almeno 40 CFU). Le immatricolazioni sono aperte fino a esaurimento dei posti disponibili.

Il laureato magistrale in “Scienze e tecniche delle attività motorie preventive e adattate” può svolgere i ruoli professionali e le relative funzioni di “responsabile” nell’ambito delle attività motorie per il benessere psico-fisico e la salute, in quello delle discipline sportive adattate, dell’educazione e rieducazione motoria e dell’attività fisica per la prevenzione e il tempo libero, dell’insegnamento dell’Educazione Fisica nelle Scuole di ogni ordine e grado, previo relativo concorso.

Importanti novità nella definizione del profilo professionale dei laureati in Scienze Motorie e Sportive.

Nel quadro della recente normativa sull’ordinamento sportivo e delle professioni sportive, il  Decreto Legislativo n. 36 del 28 febbraio 2021, istituisce le figure del chinesiologo di base, del chinesiologo delle attività motorie preventive ed adattate, del chinesiologo sportivo e del manager dello sport.

Si tratta di una grande conquista per tutte le lauree, triennale e magistrali, in Scienze Motorie e Sportive, nonché per i rispettivi laureati. Adesso, per legge, i relativi titoli conseguiti sono ulteriormente valorizzati da precise denominazioni di ruoli professionali e connesse funzioni assolvibili.

Evidente il vantaggio sul piano dell’identità professionale di tutti i laureati in Scienze Motorie e Sportive e sulle rilevanti ricadute nel mondo del lavoro, sul loro impiego presso enti pubblici e privati per la promozione del benessere psico-fisico e della salute, scuole, palestre e “palestre della salute”, associazioni, federazioni e società sportive.

Altresì, l’art. 41 della citata normativa puntualizza quali le lauree per i diversi titoli di chinesiologo e quali le specifiche funzioni attribuite. In particolare:

“Per l’esercizio dell’attività professionale di chinesiologo di base è necessario il possesso della laurea triennale in Scienze delle attività motorie e sportive (classe L-22). L’esercizio dell’attività professionale di chinesiologo di base ha ad oggetto:

a) la conduzione, gestione e valutazione di attività motorie individuali e di gruppo a carattere compensativo, educativo, ludico-ricreativo e sportivo finalizzate al mantenimento ed al recupero delle migliori condizioni di benessere fisico nelle varie fasce di eta’ attraverso la promozione di stili di vita attivi;

b) la conduzione, gestione e valutazione di attività per il miglioramento della qualità della vita mediante l’esercizio fisico, nonché di personal training e di preparazione atletica non agonistica.

“Per l’esercizio dell’attività professionale di chinesiologo delle attività motorie preventive ed adattate è necessario il possesso della laurea magistrale in Scienze e tecniche delle attività motorie preventive e adattate (classe LM-67). L’esercizio dell’attività professionale di chinesiologo delle attività motorie preventive ed adattate ha per oggetto:

a) la progettazione e l’attuazione di programmi di attività motoria finalizzati al raggiungimento e al mantenimento delle migliori condizioni di benessere psicofisico per soggetti in varie fasce d’età e in diverse condizioni fisiche;

b) l’organizzazione e la pianificazione di particolari attività e di stili di vita finalizzati alla prevenzione delle malattie e al miglioramento della qualità della vita mediante l’esercizio fisico;

c) la prevenzione dei vizi posturali e il recupero funzionale post- riabilitazione finalizzato all’ottimizzazione dell’efficienza fisica; d) la programmazione, il coordinamento e la valutazione di attività motorie adattate in persone diversamente abili o in individui in condizioni di salute clinicamente controllate e stabilizzate.”

Per l’esercizio dell’attività professionale di chinesiologo sportivo è necessario il possesso della laurea magistrale in Scienze e Tecniche dello sport (classe LM-68). L’esercizio dell’attività professionale di chinesiologo sportivo ha ad oggetto:

a) la progettazione, il coordinamento e la direzione tecnica delle attività di preparazione atletica in ambito agonistico, fino ai livelli di massima competizione, presso associazioni e società sportive, Enti di Promozione Sportiva, istituzioni e centri specializzati;

b) la preparazione fisica e tecnica personalizzata finalizzata all’agonismo individuale e di squadra.

“Per l’esercizio dell’attività professionale di manager dello sport è necessario il possesso della laurea magistrale in organizzazione e gestione dei servizi per lo sport e le attività motorie (classe LM-47).

L’esercizio dell’attività professionale di manager dello sport ha per oggetto:

a) la programmazione e la gestione di impianti sportivi;

b) la conduzione e la gestione delle strutture pubbliche e private dove si svolgono attività motorie, anche ludico-ricreative;

c) l’organizzazione, in qualità di esperto e consulente, di eventi e manifestazioni sportive, anche ludico-ricreative.”

L’Università di Enna “Kore” già svolge i corsi di laurea in “Scienze delle attività motorie e sportive” (triennale, L-22) e in “Scienze e tecniche delle attività motorie preventive e adattate” (magistrale, LM-67). Nei tempi amministrativi possibili, la Governace dell’Ateneo intende arricchire la propria Offerta Formativa con gli altri indirizzi utili per l’esercizio delle  professioni di chinesiologo sportivo (LM-68) e manager dello sport (LM-47).

Obiettivi formativi specifici

Il corso ha l’obiettivo di formare figure professionali altamente qualificate e capaci di intervenire, con competenze specifiche, nell’ambito della progettazione ed attuazione di protocolli di attività motorie preventive e adattate, ciò allo scopo di rispondere ai nuovi bisogni di salute connessi con il ruolo interdisciplinare del movimento nelle diverse fasce di età, inteso sia come fattore preventivo-educativo che di promozione del benessere fisico, psichico e sociale, ancorché come strumento atto a favorire l’inclusione nelle situazioni di diversa abilità. A tal fine il Corso intende promuovere l’acquisizione, da parte dei laureati magistrali, di conoscenze scientifiche avanzate nel campo del movimento umano, dell’esercizio fisico e dello sport paralimpico, con particolare riguardo alle aree preventiva e adattata.

Con riferimento all’intera popolazione, i laureati magistrali devono acquisire conoscenze adeguate al mantenimento della migliore efficienza fisica, lungo l’arco dell’intera vita. Particolare attenzione sarà rivolta, inoltre, alle competenze necessarie per la corretta gestione della pratica motoria in quei soggetti, disabili e non, predisposti o affetti da patologie correlate con la sedentarietà, con scorretti stili di vita, adattando le proposte di attività fisica a tutte le dimensioni umane che possono trarne beneficio, includendovi anche l’acquisizione di competenze mirate alla prevenzione e al recupero da situazioni di disagio infantile e adolescenziale.

Con riferimento al mondo dello sport adattato, il percorso di laurea fornirà strumenti specifici in relazione alla progettazione e alla gestione di sessioni di allenamento adattato, anche includendo elementi applicabili ai contesti dell’educazione sportiva, che elementi generali sull’organizzazione e sulla gestione dell’attività sportiva per disabili. Sono previsti, inoltre, specifiche attività didattiche volte a evidenziar il significato valoriale che lo sport assume nei processi di inclusione e integrazione. Per tali fini, i laureati magistrali dovranno integrare conoscenze avanzate nelle scienze motorie e sportive con quelle biomediche, psicopedagogiche e sociologiche ad esse correlate, e in particolare, sulla base delle evidenze scientifiche, applicare l’attività fisica nella prevenzione primaria, secondaria, terziaria, adattando ed individualizzando l’intervento in un contesto multidisciplinare.

L’articolazione del percorso didattico prevede una formazione inziale che, a partire da un elevato livello di conoscenze relative alle basi scientifiche degli strumenti e delle metodologie utilizzabili per la valutazione funzionale, anche con contenuti di tecnologie per l’analisi biomeccanica, si sviluppa poi sull’approfondimento delle competenze di programmazione e conduzione di differenti tipologie di attività motorie adattate, comprendenti anche i programmi di esercizio fisico per soggetti portatori delle diverse forme patologiche che traggono beneficio dall’attività fisica e dalle attività sportive finalizzate alla popolazione anziana e disabile.

Il percorso prevede anche insegnamenti di ambito psicologico, legati alle funzioni cognitive interessate nelle attività motorie, di ambito pedagogico, legati alla didattica delle attività motorie in contesti ludico-ricreativi e di socializzazione, e di ambito sociologico, riferiti ad aspetti inerenti la sociologia dei gruppi e la pragmatica della comunicazione.

Con riferimento all’ambito bio-medico, il percorso di studi prevede un insegnamento relativo alle patologie a carico dei sistemi muscolo-scheletrici e nervoso, in cui sono affrontate anche tematiche di rieducazione motoria specifica per le predette patologie, e un insegnamento relativo all’alimentazione umana. In entrambi gli anni di corso, lo studente dovrà seguire, per un elevato numero di ore, tirocini formativi curriculari presso aziende ed enti convenzionati con l’Università, ciò allo scopo di acquisire conoscenze e competenze immediatamente trasferibili nei relativi contesti occupazionali.

Al completamento delle attività formative e dei tirocini, lo studente dovrà predisporre una tesi finale, su un argomento coerente con il percorso di studi, che discuterà nella seduta di laurea. Tali obiettivi vengono raggiunti mediante lezioni frontali, anche ad impostazione seminariale, ed incontri con esperti del settore e professionisti, tramite studio di casi, dimostrazioni tecnico-pratiche sul campo ed esercitazioni individuali con l’uso di strumenti avanzati di analisi dell’attività motoria e dello stato di forma fisica; con la compilazione di rassegne bibliografiche individuali e stesura di elaborati originali sulle discipline e sulle tecniche studiate.

Nell’ambito delle discipline motorie e sportive, per la conduzione dei relativi laboratori didattici è inoltre previsto l’ausilio di specialisti dell’area motoria preventiva e adattata e di tecnici federali che operano nell’ambito dello sport adattato, rispettivamente. In alcune fattispecie, quali ad esempio quelle ricadenti all’interno dei percorsi di dual-carrier previsti per gli studenti-atleti professionisti, è previsto l’eventuale utilizzo di attività formative a distanza tramite adeguate piattaforme digitali.

Sbocchi professionali

Gli sbocchi professionali principali presso cui il professionista delle scienze motorie preventive e adattate può trovare occupazione sono riferibili a:

  • istituzioni, società, associazioni, club e altre organizzazioni sportive;
  • associazioni per l’attività motoria a carattere ricreativo e sociale;
  • centri wellness e fitness;
  • centri per la rieducazione motoria;
  • strutture sanitarie e socio-pedagogiche nelle quali si svolgono programmi motori a carattere preventivo, compensativo e adattato.

Requisiti di ammissione

È necessario il possesso della laurea triennale.
La richiesta individuale di immatricolazione è acquisita dall’Università di Enna esclusivamente secondo l’ordine cronologico di effettiva presentazione della domanda fino al raggiungimento del numero massimo di posti disponibili.

Prove di accesso

Non sono previste prove di accesso.

Tutti gli studenti che abbiano ottenuto l’immatricolazione devono successivamente sottoporsi ad un test di valutazione delle condizioni di ingresso, nei giorni che saranno resi pubblici. Tale valutazione non ha finalità né di selezione né di esclusione. L’eventuale risultato negativo non pregiudica l’ammissione al Corso di studi ma, tuttavia, può comportare l’attribuzione di debiti formativi da colmare entro il primo anno di Corso.

Studente atleta - Dual carrer program

Programma riservato agli studenti-atleti di interesse nazionale per sostenere gli studi universitari.

Una Laurea in Scienze Motorie e Sportive per la tua vita professionale con e oltre lo Sport.

Qualità del corso:
Opinioni studenti e Questionari

L’Ateneo acquisisce periodicamente, in forma anonima, le opinioni degli studenti frequentanti sulle attività didattiche.

Link utili